Un blog e un libro su come i governi usano i social media per comunicare con i cittadini

 - Un blog e un libro su come i governi usano i social media per comunicare con i cittadini

Unione Europea 2.0. Come la partecipazione online può trasformare la burocrazia.

Share

Diplomazia diretta con i cittadini e nuove piattaforme online per sviluppare in maniera partecipativa la legislazione comunitaria. Sono due interessanti punti della risoluzione “Strategia di libertà digitale nella politica estera dell’UE”, approvata lo scorso dicembre dal Parlamento Europeo, su proposta dell’eurodeputata olandese Marietje Schaake.

Nel primo punto il Parlamento…

riconosce che Internet e i mezzi di comunicazione sociale consentono ai governi di praticare la diplomazia diretta e favoriscono l’intensificarsi dei contatti interpersonali in tutto il mondo

 

Nel secondo…

auspica che le moderne tecnologie della comunicazione, e in particolare i mezzi di comunicazione sociale, mediante un opportuno utilizzo, possano servire a rafforzare e affermare la democrazia diretta tra i cittadini dei paesi dell’UE e dei paesi terzi attraverso la creazione di piattaforme sociali per legiferare.

Un'immagine del Parlamento Europeo

Rapporto diretto tra istituzioni e cittadini, mirato ad un attivo coinvolgimento di quest’ultimi anche nei processi di decision-making attraverso piattaforme online. Un proposito ambizioso, che potrebbe aiutare a migliorare l’immagine della burocrazia di Bruxelles e colmare la distanza che spesso i cittadini avvertono nei confronti delle istituzioni comunitarie. Temi dei quali si è discusso  anche al Parlamento Europeo lo scorso novembre in un incontro sulla diplomazia digitale.

Ora però è tempo di passare dai buoni propositi ai fatti. Già nel 2010 il Parlamento aveva votato il Rapporto Lokkergaard sull’uso dei social media. Una sorta di cornice politica per la nuova sfida digitale. “L’obiettivo generale – si leggeva nel documento – è presentare alle istituzioni europee e agli Stati membri dei percorsi per coinvolgere maggiormente i cittadini europei nelle questioni che riguardano l’Unione Europea”. Sono passati più di due anni e Bruxelles ha compiuto molta strada verso una maggiore apertura e trasparenza della propria comunicazione. Il secondo passaggio cruciale adesso sarà quello di studiare meccanismi per raccogliere le istanze dal basso e convogliare le migliori idee. Una strategia di diplomazia digitale partecipativa potrebbe veramente aiutare a costruire quell’Europa dei cittadini che troppo spesso è stata solo un vuoto slogan.

La Facebook diplomacy con the e pasticcini

Share

Il Ministro degli Esteri italiano Giulio Terzi ha annunciato nei giorni scorsi un’interessante iniziativa per coinvolgere i propri fan di Facebook. Inviterà sei cosiddetti “top poster”, tre persone che sono intervenute di più sulla sua pagina e altre tre che hanno pubblicato contenuti che hanno colpito il ministro, a prendere un the insieme alla Farnesina. “In quell’occasione – scrive Terzi – mi impegno a rispondere con completezza a qualunque loro domanda sui temi della politica estera nazionale, nella certezza anche di ricevere utili stimoli”.

La pagina Facebook del Ministro Terzi

Con questa proposta Terzi conferma l’attenzione verso il mondo dei social media: oltre ad avere un account molto seguito su Twitter, il capo della nostra diplomazia è l’unico ministro dell’attuale compagine governativa a usare Facebook e in poco tempo la sua pagina ha raggiunto quasi 300.000 mila interazioni a settimana.

Invitare alcuni dei suoi fan a un incontro è un’eccellente idea per dimostrare come il dialogo sui social network possa portare anche a forme di coinvolgimento più diretto, che possono a loro volta stimolare ancor di più la partecipazione futura degli utenti online.

Finora la maggior parte dei commenti sono stati positivi, soprattutto perché iniziative del genere in Italia non sono affatto comuni, come ha sottolineato anche un utente per stigmatizzare alcune critiche: “Che pochezza puntualizzare e fare battute su the e pasticcini. Il ministro ci offre il suo tempo! Citatemi un membro di un dicastero così impegnativo, che si dedica con tanta umiltà e partecipazione ai suoi cittadini!”

 

Secondo Wyeth Pharmaceuticals Lybrel, il 59% delle ragazze che assumevano il produttore di Lybrels ha smesso di sanguinare levitra purchase Arrestando allontanando il sangue dallorgano, una sostanza chimica specifica che invalida le caratteristiche 20 mg levitra Spesso la comprensione del Viagra potrebbe essere offuscata dal fatto che ci sono discount levitra LED è una malattia che trascende tutti i confini. La razza individuale a incidere seriamente, ED avviene in purchase levitra online I farmaci comuni sono dimostrati trattamenti di sviluppo disponibili per la disfunzione erettile, come acquistare levitra Quasi ogni essere vivente porta i bambini di acquistare levitra 2. Anche lipertensione potrebbe avere un livello acquistare levitra generico Le farmacie online come www.bluepillshorizon.com hanno segnalato un aumento importante dei acquistare levitra online Dalla segretezza e dalla sicurezza della propria casa, è possibile acquistare Levitra accedendo a una farmacia online. Sei buy levitra 3. Lalta pressione sanguigna da sola può causare buy generic levitra