Un blog e un libro su come i governi usano i social media per comunicare con i cittadini

 - Un blog e un libro su come i governi usano i social media per comunicare con i cittadini

La nuova guerra fredda tra USA e Russia. A colpi di tweet.

Share

La dura reazione del Cremlino ad un discorso dell’ambasciatore americano in Russia Michael McFaul fa tornare il gelo tra Washington e Mosca. E al tempo della diplomazia digitale la sfida si gioca tutta su Twitter. Dall’account del ministero degli Esteri russo sono partiti nei giorni scorsi una serie di attacchi a McFaul, accusato di aver insinuato che Mosca avrebbe pagato il governo del Kyrgyzstan per far chiudere la base americana a Manas, vicino alla capitale Bishkek, una struttura chiave per il rifornimento delle truppe impegnate in Afghanistan.

 

 

Alcune frasi prese dai tweet del ministero russo: “Siamo scioccati dalle parole dell’ambasciatore McFaul”; “non è la prima volta che le dichiarazioni e le azioni di McFaul suscitano preoccupazione”; “le parole di McFaul sono una deliberata distorsione di molti aspetti della relazione USA-Russia”; “il lavoro di un ambasciatore dovrebbe essere quello di migliorare le relazioni bilaterali, non di diffondere falsità”.

Il diplomatico americano si è difeso sul suo blog e su Twitter, ammettendo di aver usato toni “coloriti e schietti”, ma anche sostenendo che le sue parole sono state “deliberatamente distorte”. La portavoce del Dipartimento di Stato Victoria Nuland ha cercato di smorzare riferendo che “c’è stato un fraintendimento”.

Qui lo storify della disputa online su Twitter.

mcfaul con obama

L'ambasciatore americano in Russia McFaul con il Presidente Obama

Non è la prima volta che l’ambasciatore McFaul e il governo russo entrano in rotta di collisione. Lo scorso marzo il diplomatico aveva accusato su Twitter i media russi di seguirlo ovunque e di sapere in anticipo la sua agenda, insinuando anche la possibilità che le sue comunicazioni fossero intercettate. Un tweet ai giornalisti, ma indirizzato in realtà al Cremlino.