Un blog e un libro su come i governi usano i social media per comunicare con i cittadini

 - Un blog e un libro su come i governi usano i social media per comunicare con i cittadini

I segreti della Guerra Santa online

Share

Notizie riguardanti il mondo arabo, comunicati ufficiali e contenuti multimediali pubblicati dalle diverse cellule di Al Qaeda, animate discussioni sui temi più svariati, dal Corano alla sicurezza su Internet. Si presentano così i forum dedicati alla Jihad, che Aaron Zelin ha raccontato nel libro “The State of Global Jihad Online”.

Nei giorni scorsi il sito della rivista americana The Atlantic ha pubblicato un’intervista a Zelin, che traccia un quadro della Guerra Santa che gli estremisti islamici combattono da anni sul Web.

L'articolo della rivista The Atlantic

L’analista sembra innanzitutto sfatare alcuni luoghi comuni sul reclutamento online di nuove leve o addirittura di potenziali kamikaze: “c’è chi non si limita a comunicare con la tastiera, imbraccia un AK-47 e va a combattere. Ma direi che non è una scelta così comune e inoltre è molto difficile tracciare queste dinamiche perchè le persone sui forum comunicano sempre in modo anonimo”.

Per quanto riguarda la struttura della rete comunicativa, i contenuti online vengono creati dalle cellule di Al Qaeda presenti in vari Paesi e inviati a una sorta di hub centralizzato, Al Fajr, che si occupa della distribuzione online. Un’organizzazione abbastanza strutturata che però negli ultimi anni ha messo in luce diverse falle ed è sempre più soggetta a cyber-attacchi dall’esterno. L’ultimo, tra dicembre 2012 e gennaio 2013, ha messo in ginocchio i forum per circa 6-7 settimane.

Una debolezza che permetterebbe ai governi di sopprimere abbastanza facilmente queste piattaforme. Ma, come sottolinea Zelin nell’intervista, sarebbero gli stessi servizi segreti americani a voler mantenere in vita i forum per studiare i messaggi, il comportamento, la filosofia e l’approccio degli estremisti. Non certo per scoprire piani di attentati, ma per imparare a conoscere meglio il nemico e i suoi seguaci. Analisi dell’audience. Uno dei primi passi di un’efficace strategia online.