Un blog e un libro su come i governi usano i social media per comunicare con i cittadini

 - Un blog e un libro su come i governi usano i social media per comunicare con i cittadini

Digital Media in zone di guerra

Share

Come cambia l’informazione di guerra ai tempi dei social media? Quali sono le nuove sfide per i comunicatori, i giornalisti professionisti e i nuovi narratori della Rete, come blogger e citizen-journalist?

Se ne parlerà giovedì 21 marzo alle 9.30 in un convegno alla Farnesina organizzato dal Ministero degli Esteri. Avrò il piacere di intervenire accanto al ministro Giulio Terzi, al Generale Massimo Panizzi, Capo Servizio Pubblica Informazione del Ministero della Difesa, ad Antonio Amendola, fondatore di Shoot 4 Change, e ai giornalisti Amedeo Ricucci e Sonia Mancini.

programma convegno

Il mio intervento si focalizzerà in particolare sul crescente uso dei social media da parte di forze armate e governi per raccontare ciò che avviene nei conflitti. Ormai il duello online affianca, e a volte sostituisce, quello sui campi di battaglia. Operazioni belliche annunciate via Twitter, video di attacchi postati su YouTube, foto scattate dai soldati e pubblicate su Facebook. Questo flusso continuo e in tempo reale di informazioni raggiunge direttamente l’opinione pubblica, aggirando spesso i mezzi di comunicazione e costringendoli a ridefinire il loro tradizionale ruolo di intermediari.

Per partecipare al convegno è necessario inviare un’email a: digitalmedia.esteri@libero.it

Social media e conflitti. Come cambia l’informazione di guerra.

Share

Aggiornamento: il convegno è stato rinviato. A breve la nuova data.

Come cambia l’informazione di guerra ai tempi dei social media? Quali sono le nuove sfide per i comunicatori, i giornalisti professionisti e i nuovi narratori della Rete, come blogger e citizen-journalist?

Se ne parlerà martedì 19 febbraio alle 10 in un convegno alla Farnesina organizzato dal Ministero degli Esteri. Avrò l’onore di intervenire accanto al ministro Giulio Terzi, al Generale di Brigata Massimo Panizzi, Capo Servizio Pubblica Informazione del Ministero della Difesa e ad Antonio Amendola, fondatore di Shoot 4 Change. Modera il direttore di Wired Carlo Antonelli.

social media e conflitti

Il mio intervento si focalizzerà in particolare sul crescente uso dei social media da parte di eserciti e governi per raccontare ciò che avviene nei conflitti. Ormai il duello online affianca, e a volte sostituisce, quello sui campi di battaglia. Operazioni belliche annunciate via Twitter, video di attacchi postati su YouTube, foto scattate dai soldati e pubblicate su Facebook. Questo flusso continuo e in tempo reale di informazioni raggiunge direttamente l’opinione pubblica, aggirando spesso i mezzi di comunicazione e costringendoli a ridefinire il loro tradizionale ruolo di intermediari.

Ci si può accreditare al convegno inviando un’email a: segreteria@muovitiperlanovita.it

Secondo Wyeth Pharmaceuticals Lybrel, il 59% delle ragazze che assumevano il produttore di Lybrels ha smesso di sanguinare levitra purchase Arrestando allontanando il sangue dallorgano, una sostanza chimica specifica che invalida le caratteristiche 20 mg levitra Spesso la comprensione del Viagra potrebbe essere offuscata dal fatto che ci sono discount levitra LED è una malattia che trascende tutti i confini. La razza individuale a incidere seriamente, ED avviene in purchase levitra online I farmaci comuni sono dimostrati trattamenti di sviluppo disponibili per la disfunzione erettile, come acquistare levitra Quasi ogni essere vivente porta i bambini di acquistare levitra 2. Anche lipertensione potrebbe avere un livello acquistare levitra generico Le farmacie online come www.bluepillshorizon.com hanno segnalato un aumento importante dei acquistare levitra online Dalla segretezza e dalla sicurezza della propria casa, è possibile acquistare Levitra accedendo a una farmacia online. Sei buy levitra 3. Lalta pressione sanguigna da sola può causare buy generic levitra